Mese Notizie - Quotidiano di Informazione sulla Valdinievole

Entries for ottobre 2017

MARCO GUERRUCCI SBARAGLIA IL CAMPO

Pubblicato il 31 ottobre, 2017

PISTOIA - SUCCESSO di Marco Guerrucci, rappresentante dell' Orecchiella Garfagnana, nella edizione numero 34 della “Strapaesana della Valdibure” organizzata dal Circolo Arci Le Pozze e a cui hanno preso parte circa 450 concorrenti. L' atleta garfagnino ha corso la distanza di 13 chilometri nel tempo di 41'58'' precedendo Giacomo Bugiani (Silvano Fedi Pistoia) di 3'02'' e Mattia Treve (Le Panche Castelquarto) di 3'14'', più dietro il livornese Roberto Ria (Livorno Team Running) ed Eddy Rosignoli (Individuale). Daniele Giusti (Individuale) si aggiudica in 46'50'' la gara dei Veterani superando Donato Sorice (La Stanca Valenzatico) e Mauro Picchi (Individuale), Roberto Mei (Silvano Fedi Pistoia) primeggia tra gli Argento uomini con il time di 50'40'' seguito da Fabrizio Soldi (Individuale) e Domenico Coco, compagno di colori del vincitore.
La pistoiese Romina Sedoni (Lammari) ottiene il primato nella gara femminile assoluta in 51'15'' precedendo di 22” Gianfranca Secci (Silvano Fedi Pistoia) e di 1'05'' Stefania Palmieri (La Lumega Alto Reno), quarta Maida Mei (Cai Pistoia) e quinta Giulia Ciampi (Le Lumache Prato). Nelle Veterane a salire sul gradino più alto del podio è stata Cristina Mannello (Silvano Fedi Pistoia) in 59'16'' , piazza d' onore per Maria Amelia Nardi (La Stanca Valenzatico) e gradino più basso del podio per Francesca Andreotti (Silvano Fedi Pistoia). Infine successo per la formazione di Quelli del Martedì nella classifica per società con 43 iscritti, seconda il Cai Pistoia (38), terza la Silvano Fedi Pistoia (33).


Galleria Immagini

  • MARCO GUERRUCCI SBARAGLIA IL CAMPO
  • MARCO GUERRUCCI SBARAGLIA IL CAMPO


GARA PER LA GESTIONE DEL BAR DEL TEATRO MANZONI

Pubblicato il 31 ottobre, 2017

PISTOIA - L’Associazione Teatrale Pistoiese promuove una manifestazione pubblica di interesse per l’affidamento della gestione del bar interno al Teatro Manzoni per il periodo 1/12/2017 – 30/9/2019 in corrispondenza di attività di spettacolo, convegni, incontri, mostre, prove, conferenze ed ogni altra iniziativa organizzata al Manzoni. Le informazioni e le condizioni sono pubblicate e scaricabili sul sito dell'Associazione Teatrale Pistoiese www.teatridipistoia.it. La domanda di partecipazione, redatta utilizzando la modulistica appositamente predisposta e disponibile sul sito, dovrà essere consegnata in busta chiusa e sigillata presso gli uffici dell’Associazione Teatrale Pistoiese (Corso Gramsci, 121 - Pistoia) entro e non oltre il 15 novembre 2017. Gli esiti della selezione, a seguito della presente manifestazione, verranno pubblicati sul sito internet dell’Associazione Teatrale Pistoiese entro il 20 novembre 2017. Informazioni e chiarimenti potranno essere richiesti contattando Rossella Biagini (0573 991624 r.biagini@teatridipistoia.it) e concordare anche eventuali sopralluoghi nel locale.


Galleria Immagini

  • GARA PER LA GESTIONE DEL BAR DEL TEATRO MANZONI



MONSUMMANO TERME - I Giovani Granata Monsummano si scoprono vivaio pieno di talenti. Dopo Andrea Grilli e Lorenzo Di Galante – ragazzi classe 2004 in forza ai Giovanissimi B – ormai da un anno in orbita Torino che li ha chiamati a svolgere numerosi stage e provini, altri quattro calciatori in erba (delle annate 2001, 2002 e 2003) sono stati opzionati dalla società del presidente Urbano Cairo, legata ai Giovani Granata da una partnership sportiva avviata tre anni fa. L'interesse concreto per questi piccoli calciatori è stato ufficializzato giovedì scorso durante la giornata formativa che si è svolta al centro sportivo “Loik” di piazza Gentili. Funziona dunque il progetto Academy Scuola Calcio, che tra l'altro la scorsa settimana ha portato a Monsummano le telecamere del network tematico Torino Channel (canale 234 del bouquet Sky) che hanno ripreso il pomeriggio tra sedute tecniche e partitelle tra le varie squadre. Presenti nell'occasione il responsabile del progetto Academy Torino, Teodoro Coppola, e il coordinatore scouting granata, Marco Rizzieri, oltre al presidente del club cittadino, Paolo Arbi, e al direttore generale Paolo Fascetti. Hanno portato il saluto della città anche il sindaco del Comune di Monsummano Terme, Rinaldo Vanni, e l'assessore allo sport Elena Sinimberghi. Grande entusiasmo durante la giornata, non solo dei ragazzi ma anche di genitori e staff tecnico, per un'iniziativa che ha avuto duplice scopo, da una parte è stato un importante spot per l'Academy dei Giovani Granata, dall'altra momento di promozione per Monsummano e l'intero territorio. E in più altri quattro ragazzi hanno suscitato l'attenzione del Torino Calcio.

In foto: Coppola e Rizzieri con un gruppo dei Giovani Granata Monsummano


Galleria Immagini

  • TORINO CHANNEL E NON SOLO  ALTRI RAGAZZI OPZIONATI NEL PROGETTO ACADEMY


EMILIA

Pubblicato il 31 ottobre, 2017

PISTOIA - Grande ritorno al teatro di Giulia Lazzarini, protagonista, nei panni di Emilia, del testo scritto e diretto dall’estro della scena argentina Claudio Tolcachir, che ci accompagna nel cuore più torbido e commovente di una famiglia. Lo spettacolo è in scena, in prima per la Toscana, al Teatro Manzoni di Pistoia dal 3 al 5 novembre per Pistoia Capitale Italiana della Cultura. La disconnessione tra le persone e la presenza di amore incondizionato, che resiste al tempo e allo spazio, sono alla base della drammaturgia di Emilia, un ritratto di famiglia con tragico segreto e identità ferite. Una produzione Teatro di Roma che vede protagonista Giulia Lazzarini (premio Le Maschere del Teatro 2017 come Miglior attrice protagonista), una delle interpreti italiane più amate e apprezzate di sempre, nel ruolo di una balia che dopo anni incontra nuovamente il bambino che aveva allevato, determinando la fuoriuscita di quei frammenti del passato che spargeranno scariche elettriche sul terreno già crepato delle apparenze e dei sorrisi, rimettendo in discussione ogni cosa. Per il ciclo “Il Teatro si racconta”, la compagnia incontra il pubblico sabato 4 novembre (Saloncino Manzoni, ore 17.30).
«Emilia nasce il giorno del quarantesimo complenno di mio fratello: ero andato a prendere in macchina la donna che per tutta la nostra infanzia era stata la mia tata – racconta il regista Claudio Tolcachir – Non la vedevo da anni. In quel viaggio ha tirato fuori molte storie, aneddoti, memorie e ricordi che mi parlavano di un amore intatto. Immenso, incondizionato. Sembrava che ai suoi occhi tutte quelle cose fossero successe pochi giorni prima. Iniziai a pensare a quanto certe relazioni siano sbilanciate; a cosa succede a tutte quelle persone che dedicano la loro vita a prendersi cura di una famiglia nel momento in cui non c’è più bisogno di loro; a cosa resta nelle loro vite; a quale sia la responsabilità nei loro confronti. Emilia parla di loro, dello “staccamento” tra persone che a volte cerchiamo di placare con uno smalto di solidarietà superficiale. Ecco, il personaggio di Emilia ha bisogno di prendersi cura degli altri. È ciò che la mantiene in vita». Dopo vent’anni di lontananza, i due si incontrano e il ragazzo, ormai uomo in carriera, la introduce nel suo contesto familiare, date le difficoltà economiche che quest’ultima sta attraversando. Walter (Sergio Romano) la invita a casa per presentarla alla sua famiglia. Emilia conosce Carolina, la donna che ha sposato (Pia Lanciotti, Le Maschere del Teatro 2017 come Miglior attrice non protagonista”) e Leo (Josafat Vagni), il figlio che lei ha avuto dal precedente matrimonio con Gabriel (Paolo Mazzarelli). Sembrano tutti felici, ma è solo apparenza. Poco a poco scopriamo, attraverso i ricordi di Emilia, quanto Walter fosse difficile da bambino. E parallelamente iniziano ad apparire crepe profonde nella sua famiglia ed è sempre più evidente come le strutture emotive dell’infanzia di Walter interferiscono sulla sua vita, scoprendolo un uomo violento e aggressivo, geloso all’inverosimile. Claudio Tolcachir scrive e dirige una storia di legami contrastati e di apparenze familiari che celano inquietanti segreti. Alternando dramma e commedia, Emilia è un’analisi sul rapporto tra realtà vissuta e il filtro della “memoria” con cui i ricordi meno piacevoli vengono cancellati o edulcorati. Ma è anche la decostruzione della famiglia, sulle cui quotidianità rassicuranti preme come un’ombra funesta il rumore della verità. Lo spazio scenico è un ring di coperte e casse di un trasloco. Siamo nella mente di Emilia, catapultati in una casa che diventa un carcere, uno spazio simbolico e funzionale all’amore, che contiene insieme tutti i personaggi e allo stesso tempo li divide, li protegge, li imprigiona. Nella storia presente, passato e futuro si compenetrano vicendevolmente, le cose accadono e si narrano allo stesso tempo. Emilia subentra nella nuova complicata famiglia di Walter parlando al pubblico e raccontando la sua storia, mentre gli altri personaggi agiscono dietro, e quando sembra che non la vedano, la includono nei loro dialoghi. Gli avvenimenti vengono svelati poco alla volta, con mistero, generando la sensazione che in qualsiasi momento la precaria fragilità familiare possa sgretolarsi all’improvviso. «Il mondo è doloroso e per questo motivo alle volte ci disconnette da quanto ci fa male. Se non lo facessimo sarebbe impossibile vivere – continua Tolcachir – Ho l’impressione che oggi la disconnessione dall’altro, da quanto gli altri vivono e sentono, sia fortissima. Viviamo nella necessità di trovare pace e per questa ragione sentiamo di doverci allontanare dal dolore altrui. A volte anche dell’amore che gli altri possono provare per noi». Una pièce che parla di amore e delle sue differenti forme e deformazioni. Un sentimento che sa di rinuncia, di possesso, di colpa, di gratitudine, e di quella paura che provoca l’idea di perderlo. Tutti i personaggi parlano in qualche modo dell’amore, pur non riuscendo mai a riferirsi alla stessa cosa. Emilia è una storia che non trascorre tra le parole, ma dal corpo degli interpreti e dalle emozioni che palpitano sotto le loro voci e dietro i loro occhi. Un vortice di sentimenti per uno spettacolo commovente e magnetico, con cui Claudio Tolcachir dà ancora una volta l’esempio che il teatro, come diceva Stanislavsky, può catturare l’anima, rendere più sensibili, più vulnerabili, pervasi da emozioni. «Mi interessa che il teatro sia vivo – conclude il regista – mi piace pensare al teatro come fosse una partita di football e per far ciò fondamentali sono gli attori, e l’ascolto con gli attori. L’importante è che ogni cosa che succeda in scena sia attraversata dalla verità e che il regista riesca a sparire dalla scena e a far sembrare tutto una casualità». Claudio Tolcachir (1975) è un attore, drammaturgo e regista teatrale argentino. Fondatore della compagnia Timbre 4, presenta regolarmente i suoi spettacoli, sia nella sua Buenos Aires, che nelle città di tutto il mondo. Protagonista indiscusso della nuova scena argentina, ha riscosso il suo primo successo internazionale con il pluripremiato La Omisión de la Familia Coleman, presentato nelle più importanti capitali, tra cui Madrid, Parigi, Lisbona, Dublino, New York. È anche autore di Terzo corpo e Vento in un violino. Per i suoi lavori ha ricevuto numerosi riconoscimenti, sia in patria che all’estero. Insegna workshop per gli attori nella sua scuola e in altre città come visiting professor. Nel 2012 è stato riconosciuto dalla legislatura di Buenos Aires come spiccata personalità della cultura. È nato a Buenos Aires nel 1975. Ha iniziato la sua formazione presso l’Istituto Labarden e la scuola Scaffold 90, fondata da Alejandra Boero. Dal 1990 ha proseguito la sua formazione con altri registi come Juan Carlos Gené e Veronica Oddo, mentre ha iniziato a lavorare in spettacoli professionali sia nel circuito indipendente che commerciale. Il marchio di fabbrica di Tolcachir è la sua capacità di raccontare eventi quotidiani caricandoli al limite del grottesco, rivisitando, con ironia e raffinatezza, generi televisivi ultrapopolari come la telenovela e la commedia sudamericana. I biglietti da 10,00 a 28,00 euro sono in vendita alla Biglietteria del Teatro Manzoni 0573 991609 – 27112 www.teatridipistoia.it. La stagione 2017/2018: www.teatridipistoia.it


Galleria Immagini

  • EMILIA
  • EMILIA



MONTECATINI TERME - Una cerimonia ufficiale al salone d'onore del Coni al Foro Italico per premiare le città e i comuni Europei dello Sport 2017, ringraziarli per quanto fatto nell'anno che si sta concludendo per la promozione dello sport e per lanciare e ufficializzare le nuove città e i nuovi comuni che lo saranno nel 2018. C'era naturalmente anche Montecatini Terme in prima fila a Roma durante le premiazioni di Aces per i Comuni del 2017: il presidente Giovanni Malagò ha salutato e ringraziato la platea di unlsalone pieno di sindaci e assessori provenienti da tutta Italia, confermando la priorità dell'attività sportiva e degli impianti sportivi nel programma di lavoro. Poi è stata la volta del presidente Aces Lupattelli ringraziare e rendere omaggio ai vincitori. Il momento di Montecatini è arrivato assieme a Orvieto, Alassio e Tirano, tutte sotto i 20mila abitanti, accomunate dal titolo per il 2017: per il Comune il premio è stato ritirato dal presidente del consiglio comunale Andrea Rastelli.
Per il 2018 al termine delle visite delle Commissioni ACES Europe, i Comuni di Sanremo e Bassano del Grappa, Foligno e Forlì sono stati riconosciuti European City of Sport 2018 mentre il comune di Andora, Airola, Corbetta, Montalbano saranno European Town of Sport 2018.
"Per noi è stato un onore e un vero motivo di prestigio ricevere questo premio - ha detto Rastelli - che ha confermato la capacità di ospitare eventi sportivi di grande richiamo per la città nel 2017, come del resto negli anni passati e come accadrà nel futuro, e di farlo in strutture sempre all'altezza, come confermato un anno fa dai Commissari Aces che arrivarono in città per visionare gli impianti e successivamente premiarli. Grazie al Coni, ad Aces a nome di tutta Montecatini". Il presidente deSoddisfatto il sindaco Giuseppe Bellandi per il riconoscimento ottenuto ufficialmente dalle mani di Malagò. «Un premio che ci gratifica per tutto il lavoro svolto con i vari uffici per migliorare i nostri impianti e per puntare sul turismo sportivo. Impianti come lo stadio, il Palaterme, l'Ippodromo, la piscina comunale che hanno ottenuto il gradimento dei giudici della Aces Europe e che nel 2017 ospiteranno numerosi eventi di rilievo».


Galleria Immagini

  • MONTECATINI TERME PREMIATO COME COMUNE EUROPEO DELLO SPORT PER IL 2017


FORMAZIONE GRATUITA NEL SETTORE DELLO SPETTACOLO

Pubblicato il 31 ottobre, 2017

PESCIA - Scadono il prossimo 6 novembre le iscrizioni a due nuove e importanti iniziative formative gratuite finanziate dalla Regione Toscana con risorse del Fondo Sociale Europeo nel settore dello spettacolo: si tratta dei corsi per “Tecnico delle attività di illuminazione di spettacoli teatrali ed eventi dal vivo” e per “Tecnico delle operazioni di montaggio, smontaggio, movimentazione e cambio di scenografia” In particolare il “Tecnico Luci” si propone di qualificare 10 allievi in grado di curare l'illuminazione di spettacoli teatrali e di eventi dal vivo, di montare e installare gli impianti luci e di seguire il piano dell'illuminazione in consolle durante lo spettacolo. Il percorso, della durata complessiva di 624 ore, sarà articolato attraverso lezioni in aula a carattere teorico-pratico (437 ore), stage in azienda (187 ore) e prevederà moduli su impiantistica elettrica applicata, progettazione impianti luci, gestione luci, cultura e organizzazione dello spettacolo, informatica applicata, elementi di ripresa video. L’altro corso per “Tecnico Scenografo”, rivolto a 10 allievi, della durata complessiva di 663 ore sarà articolato attraverso lezioni in aula a carattere teorico-pratico (464 ore), stage in azienda (199 ore), sarà rivolto a 10 allievi e si propone di formare nuove professionalità in grado di costruire elementi scenografici per uno spettacolo e di montare, smontare, movimentare e cambiare una scenografia, di trovare soluzioni tecniche alle idee dello scenografo, nell’ambito di una attività che si svolge interamente dietro le quinte dello spettacolo. I moduli prevedono tecnologia dei materiali, logistica e magazzino, disegno e rappresentazione pittorica, Tecniche di costruzione allestimenti, progettazione della scenografia, allestimento e movimentazione della scenografia, elementi di illuminotecnica. Entrambi i corsi sono stati progettati in collaborazione con il Teatro Pacini di Pescia e si svolgeranno presso la sede di quest’ultimo in Piazza San Francesco 9. I destinatari dei due progetti sono residenti o domiciliati in un comune della regione Toscana, maggiorenni, disoccupati, inoccupati, inattivi iscritti a uno dei Centri per l’Impiego della Regione Toscana in possesso di un titolo di istruzione secondaria superiore o di almeno tre anni di esperienza lavorativa documentata nell’attività professionale di riferimento; nel caso di cittadini non comunitari essere in possesso di regolare permesso di soggiorno che consenta attività lavorativa. Il periodo di svolgimento è previsto da Novembre 2017 a Aprile 2018 e le lezioni si terranno dal lunedì al venerdì con orario 09:00 – 13:00 / 14:00 – 18:00
Presso la segreteria dell’ASEV in via delle Fiascaie 12 a Empoli è possibile ricevere informazioni su entrambi i percorsi, reperire modulistica e presentare la domanda di iscrizione entro il 6 novembre prossimo. Per accedere ai corsi è necessario superiore una selezione. Per ulteriori informazioni e chiarimenti sull’attività formativa è possibile contattare l’ASEV al n° 0571 76650 oppure tramite mail scrivendo a v.sacchetti@asev.it.




MONTECATINI TERME - Aperto da poco più di un anno in viale IV Novembre 35 a Montecatini Terme, con la gestione di tre giovani imprenditori noti in Valdinievole e non solo, e già candidato tra i migliori bar emergenti in Italia nel concorso nazionale Bar Awards 2017 per la categoria “Bar rivelazione dell’anno”: è Habitat drink & more... (tel. 0572/767056) gestito da Luca Piattelli, Gioele Benedetti e Leonardo Gargini, che pertanto invitano i clienti, gli appassionati di locali nell’ambito della somministrazione, beverage ed intrattenimento, tutti gli amici, a sostenerli con il loro voto nell’importante gara «per avvicinarci ad un sogno!!!» dichiarano. Votare è piuttosto semplice, tramite il proprio telefono cellulare o pc collegarsi al sito web https://www.bargiornale.it/barawards2017/ cliccando sull’icona “Barawards” e poi sulla scritta “clicca qui per scoprire e votare i candidati”: si aprono le pagine delle categorie, da scorrere fino a quella “Bar rivelazione dell’anno” e quindi selezionare “Habitat”. La procedura si conclude con l’inserimento di nome, cognome ed indirizzo e-mail della persona votante, quindi la comunicazione “Voto effettuato”. L’originalità della proposta di Habitat è frutto di viaggi nel mondo dei tre imprenditori, confrontandosi con persone, abitudini e costumi diversi nel settore del drink, adeguando eccellenze di differenti Paesi ad un louge – cocktail bar italiano. Il risultato è la Mixology, ovvero la realizzazione di cocktail originali e di qualità con una propria storia ed una stagione precisa di riferimento, “opere d’arte” per decorazioni, colori e servizio anche con ingredienti per costume destinati ad altri usi oppure fino ad oggi a noi sconosciuti, una moda di provenienza statunitense diffusa nelle metropoli di tutto il mondo con i Mixology bar e club. Inoltre recentemente il proprio bartender Federico Filippelli si è classificato per le finali nazionali del 42° concorso regionale dell’associazione Aibes, proponendo un cocktail del locale. Ad Habitat, locale che prende vita fin dal primissimo pomeriggio, anche la qualità di cibi toscani con focacceria farcita di primizie toscane, per pranzo menù con prodotti bio, carpacceria, insalateria a cura Studio SmartWell di Montecatini Terme, innovativo centro specializzato nella corretta alimentazione rispettando forma fisica e benessere. Il nome “Habitat”, dal latino “egli abita”, indica un luogo dotato di qualità di vita, nel bere e nel mangiare, in cui, grazie a cocktails unici per genere e forma, clienti anche provenienti da fuori città possono assaporare specialità di terre lontane e turisti possono conoscere i sapori di casa, con l’intento di esportare il proprio prodotto anche avvalendosi delle proprie pagine Facebook ed Instagram. Habitat infine è anche intrattenimento, ogni martedì dalle ore 21 ad esempio si tiene il live music “We are Habitat” con esibizione di gruppi e showman musicali toscani.


Galleria Immagini

  •         ECCELLENZA MONTECATINESE CON COKTAIL DI TUTTO IL MONDO, HABITAT IN GARA PER BAR  AWARDS 2017



MASSA E COZZILE - Una doppietta di Sodini e un gol di Bartolozzi regalano il successo per 3-0 agli Allievi Elite del Margine Coperta in casa contro il Bibbiena, per la squadra è la terza vittoria in campionato; gli Allievi B Elite si sono invece arresi 2-1 (rete di Agostini) contro il Gracciano al comunale di Colle Val d´Elsa.
Pareggio 1-1 (a segno Latini) per i Giovanissimi Elite sul campo dello Sporting Arno a Badia al Settimo, il Margine ha 10 punti in classifica; roboante vittoria 10-0 infine per i Giovanissimi B provinciali contro il malcapitato Vannucci Pistoia.


Galleria Immagini

  • POLISPORTIVA MARGINE COPERTA: I RISULTATI DEL WEEKEND



MONSUMMANO TERME - La Serie C Img Solari vince e convince, secondo successo consecutivo (il primo sul parquet di casa del PalaCardelli) e vetta della classifica nel girone B raggiunta, in coabitazione a 7 punti con Campi Bisenzio, Euroripoli e Buggiano. La Pallavolo Certaldo è battuta 3-0 (parziali: 25-15, 25-21, 25-21), una gara dominata che si è rivelata più semplice del previsto, nonostante le avversarie si presentassero con giocatrici esperte e abituate alla categoria. Monsummano al via con Alderighi in regia, Bianciardi e capitan Maestri al centro, Antonini e Moriconi di banda, Di Paolo opposto e Spadoni libero, la stessa formazione di partenza che ha battuto una settimana fa il Viva Volley Prato. Il Ctt è subito dentro il match, aggredisce ed è in palla: gli attacchi di Antonini e Bianciardi fanno male a Certaldo che chiama il time out sul 12-9 per le biancoblù, mossa che non serve perché ancora un attacco di Maestri allunga per le termali. Poi il tecnico ospite prova la carta dell'esperta Lazzeri, ma la situazione non cambia e sarà un attacco di Moriconi a chiudere il set lasciando Certaldo con le briciole di appena 15 punti. Nel secondo set la musica non cambia, con le ragazze di Antonio Galatà e Cesare Arinci che si portano subito avanti e si fanno inseguire. Dal centro Bianciardi e Maestri sono inarrestabili, il vantaggio aumenta fino a 16-11, poi due time out delle fiorentine, che reagiscono e si rifanno sotto a -2. Head coach Galatà richiama la squadra che capisce la sinfonia e chiude definitivamente i giochi con Antonini, portandosi sul 2-0. Nel terzo parziale sembra non ci sia storia, con Monsummano trascinata dal servizio di Bianciardi che prende subito il largo portandosi sul 13-7. Certaldo prova a recuperare e a metà gioco tallona le biancoblù sul 16-14, a quel punto Galatà chiama il time out dai suggerimenti risolutivi, uniti a due grandi muri di Moriconi e di Maestri, che tolgono ogni velleità alla formazione ospite. Sarà poi Di Paolo a chiudere il match e certificare i tre punti che portano il Centro tecnico territoriale Monsummano nei piani alti della classifica.

In foto Nucci: Serie C Img Solari



Galleria Immagini

  • SERIE C IMG SOLARI, ALTRO SQUILLO E PRIMO POSTO IN CLASSIFICA



QUARRATA - Ben 3 primi posti, 3 secondi posti e 2 terzi posti per varie categorie. Sono gli ottimi risultati ottenuti dal gruppo Giovani del Golf Club Quarrata, composto da circa 20 giovani e giovanissimi atleti, nel circuito preagonistico Under 12 regionale promosso dal Comitato toscano Federgolf, imponendosi con larghissimo distacco sugli altri 14 circoli partecipanti alla gara. I risultati finali in occasione della decima prova al Golf Ugolino di Firenze. Per la nuova categoria introdotta in quest’edizione, Platino, dei più grandi con classifica mista, vittoria del promettente Max Salerno con 130 punti totali, per lui seconda vittoria consecutiva dopo quella a Parco di Firenze con 51 colpi lordi. Secondo posto per Ettore Milio Venturini (125) e terzo per Elia Riccotti (78), tutti e tre giocatori del vivaio Golf Quarrata allenato dalla maestra proette Anna Ravinetto con assistente Lorenzo Barsella. L’atleta Max Salerno, inoltre, partecipa al circuito Pinocchio sul Green Under 18 dove nel corso di quest’anno ha riportato 2 primi posti nella classifica Under 12 ed un terzo posto assoluto, prenderà quindi parte alla finale in programma il prossimo 5 novembre al Golf Montecatini Terme. In categoria maschile Giallo Verdi, la più numerosa con ben 35 giocatori iscritti e riservata ai più piccoli, 4 atleti del Golf club Quarrata ai primi posti: dopo un lungo testa a testa, si aggiudica infatti il ranking il giovanissimo Riccardo Composto con 148 punti e vittoria nell’ultima tappa, secondo Niccolò Ciribì 129 punti e terzo Nico Salerno (fratello di Max) 109 punti. Non sono da meno le ragazze del sodalizio sportivo quarratino: in classifica femminile Rossi, infatti, Elettra Galli al secondo posto, in classifica femminile Giallo Verdi vittoria di Guendalina Faggi con 205 punti, distaccando Vittoria Poggetti (137) del Golf Montecatini Terme di oltre 60 punti. Alle premiazioni hanno preso parte la presidentessa Camilla Tolomei ed il consigliere Michele Checcuci del circolo ospitante Ugolino di Firenze, il responsabile dell’attività giovanile Giuliano Giovannini e Marisa Conte del Comitato regionale. I primi tre classificati di ogni categoria parteciperanno ad un corso di un giorno su invito del Comitato toscano, “Stars del Futuro”, tenuto da un coach regionale e dal suo staff. Per informazioni ed iscrizioni ai corsi ed alle attività del Golf Club Quarrata tel. e fax 0573/705167, e-mail: info@golfquarrata.it; sito web www.golfquarrata.it;


Galleria Immagini

  • TRIONFO DEI GIOVANI GOLF CLUB QUARRATA NEL CIRCUITO REGIONALE TOSCANO UNDER 12


Pagina 1 di 6Primo   Precedente   [1]  2  3  4  5  6  Prossimo   Ultima