Mese Notizie - Quotidiano di Informazione sulla Valdinievole

Entries for febbraio 2017


MASSA E COZZILE - Finisce a reti inviolate il big match della 21° giornata nel campionato Allievi Elite: al centro sportivo “Renzo Brizzi” Margine Coperta e Tau Calcio Altopascio impattano sullo 0-0 in quello che è un classico del calcio giovanile toscano. Per la squadra guidata da Gianluca Peselli un pareggio con l'amaro in bocca, visto che in classifica i bianconeri vengono superati di una lunghezza dal Floria 2000, che adesso occupa la seconda piazza. Ancora sugli scudi le squadre delle Allievi B regionali, Giovanissimi B ed Esordienti A provinciali: i 2001 di Peselli superano 4-1 lo Sporting Arno, con questi tre punti agganciano proprio i fiorentini all'ottavo posto in graduatoria, si tratta della quinta vittoria consecutiva; il gruppo 2003 di mister Francesco D'Addario continua la sua marcia inarrestabile in testa al campionato regolando fuori casa i Giovani Via Nova, battuti con il punteggio di 3-1; vittoria larghissima per i 2004 di Luca Cordoni, che schiantano 8-0 i pari età della Pistoiese e dopo quattro giornate si trovano in testa al torneo con 10 punti. L'unica nota dolente del weekend di partite arriva dai Giovanissimi Elite allenati da Luciano Pardini: il Margine Coperta è sconfitto 3-0 sul campo della blasonata Sestese, la squadra mantiene comunque la quinta posizione in graduatoria, ultima casella utile in chiave playoff.

In foto i Giovanissmi B 2003


Galleria Immagini

  • ALLIEVI ELITE, IN PARITA' IL BIG MATCH CON IL TAU CALCIO BOTTINO PIENO PER ALLIEVI B, GIOVANISSIMI B ED ESORDIENTI A


FIABE A COLORI

Pubblicato il 28 febbraio, 2017

CASALGUIDI - Torna ospite del Teatro Francini di Casalguidi la storica compagnia fiorentina di burattini, Pupi di Stac, guidata da Enrico Spinelli, giovedì 2 marzo (ore 10,30) con Fiabe a colori, terzo appuntamento della stagione teatrale (per la sezione "A teatro con la scuola!"), promossa dal Comune di Serravalle Pistoiese e Associazione Teatrale Pistoiese nell'anno di Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017. Lo spettacolo, pensato per la fascia d’età 3/7 anni, è una vera e propria antologia di fiabe e filastrocche narrate, cantate e burattinate dal vivo. Luci e colori scandiscono i tempi della fiaba popolare, Il maialino e il lupo, buffa storia dove la scaltrezza e la furbizia del porcellino prevalgono sulla sciocca ingordigia del lupo, più volte beffato. La semplice vicenda è costruita sul tema ricorrente dei colori: la scelta delle vernici che richiede l’intervento dei bambini per trovare la tinta giusta; il colore del cielo che indica il susseguirsi di giorno, tramonto, notte e alba; la spiegazione dell'arcobaleno; le qualità e i colori delle mele e delle zucche; la personalità delle Fate, infine l'insistere nel definire il colore di ciascun oggetto presente in scena. Per finire il maialino canta una Filastrocca dei colori, musicalmente semplicissima, dove i bambini saranno chiamati a cantare, dicendo ad ogni verso il colore giusto. Saranno aiutati dalle rime e anche dalla luce colorata che di volta in volta verrà proiettata sulla scena. I pupi in scena, di legno intagliato, sono alti circa sessanta centimetri e hanno, unici nella tradizione italiana, figura intera. Sono, insomma, “marionette senza fili” animate dal basso o, se si preferisce, “burattini con le gambe” come il loro fratello più famoso: Pinocchio. La stagione del Francini proseguirà il 21 marzo con la prima regionale del nuovo spettacolodi Simone Cristicchi, Il secondo figlio di Dio. Vita, morte e miracoli di David Lazzaretti.


Galleria Immagini

  • FIABE A COLORI


LA BIBLIOTECA COMUNALE AL SERVIZIO DELLE SCUOLE

Pubblicato il 27 febbraio, 2017

MONTECATINI TERME - Nel corso del 2016 la biblioteca comunale di Montecatini ha svolto moltissimi servizi erogati alle scuole di vario grado della città. In totale si è trattato di 60 iniziative, da gennaio a dicembre, per 1.300 partecipanti complessivi, tra laboratori, progetti, letture, eventi che hanno coinvolto 21 istituti tra infanzia, primaria e scuole medie del territorio. Le iniziative del 2016 della biblioteca comunale di Montecatini sono state così ripartite, numericamente: dieci alle Don Facibeni, due alle Casciani, tre alla Nievole, cinque alle De Amicis, due alla scuola d’infanzia Merlini-Lorenzini, tre alla scuola d’infanzia Rodari, altrettanti all’asilo nido comunale Giovanna Piattelli, due all’asilo nido Don Bosco, uno all’infanzia di Montecatini Alto, uno alla primaria Fucini, uno alle scuole d’infanzia Gambassi, uno alla scuola d’infanzia D’Angeli, cinque alla primaria Pascoli, dieci all’istituto Medie Chini, uno all’infanzia di Biscolla e alla primaria San Giuseppe, due all’infanzia di Ponte Buggianese, uno alla scuola d’infanzia di Massa Cozzile, tre a quella dell’infanzia di Monsummano, due alla primaria di Margine Coperta, e una alla scuola d’infanzia di Villa Ancuri.



“Si tratta di iniziative di invito alla lettura, all’educazione, laboratori didattici e creativi di cui andiamo orgogliosi – dice l’assessore Bruno Ialuna – che abbiamo svolto e che continuiamo a svolgere con molto entusiasmo anche nel 2017 in tutti gli istituti della città e anche nelle scuole dei comuni a noi vicini per avvicinare i giovanissimi ai primi libri, e nel caso dei più grandi alla lettura e alla comprensione dei testi. La cultura inizia a formarsi così, dalle piccole cose, dalle storie raccontate, dall’invito alla lettura e dalle iniziative come queste che proponiamo ben volentieri”.


Galleria Immagini

  • LA BIBLIOTECA COMUNALE AL SERVIZIO DELLE SCUOLE



LAMPORECCHIO - Domenica 26 febbraio si è tenuta la visita istituzionale a Lamporecchio del Presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, che ha incontrato il Sindaco Alessio Torrigiani. Dopo aver partecipato all’apertura del Campionato regionale di nuoto paralimpico in programma presso la piscina intercomunale di Larciano Lamporecchio, il Presidente Giani ha incontrato il Sindaco nella sede comunale: «Si è trattato di una visita che non si è limitata alle formalità istituzionali» ha dichiarato Alessio Torrigiani «ma ha toccato importanti argomenti quali l’economia del territorio e la conoscenza delle nostre aziende. Con orgoglio e soddisfazione ho illustrato al Presidente Giani le peculiarità economiche del nostro territorio e le nostre realtà più significative. Il colloquio è proseguito parlando delle opportunità che oggi la Regione mette in campo per sostenere gli investimenti più importanti per i comuni toscani. I bandi regionali che finanziano gli interventi sulla scuola sono i più ambiti in questo momento, vista l’ingente ristrutturazione che dovremo fare sulle strutture scolastiche».
«Questa visita» prosegue il sindaco Torrigiani «ha rappresentato una grande occasione per parlare di questioni importanti che riguardano i nostri cittadini e riportare l’attenzione sui problemi veri, tralasciando i personalismi di giornata. Il colloquio si è concluso parlando di sport e impianti sportivi, il Presidente ha rinnovato i complimenti per l’ottima organizzazione della manifestazione di nuoto nella nostra piscina, sottolineando il fatto che questo tipo di competizione sportiva è quasi sempre relegata ai margini delle gare per atleti normodotati».
Il Presidente ed il Sindaco si sono congedati con il rituale scambio di regali, al Presidente è stato donato il libro con lo Statuto di Lamporecchio del 1406.


Galleria Immagini

  • VISITA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE EUGENIO GIANI


RADDOPPIO FERROVIARIO. TERZO LOTTO…MA…

Pubblicato il 25 febbraio, 2017

MONTECATINI TERME - Sulla questione del raddoppio ferroviario interviene Massimo Morini Capogruppo della Lista Civica MontecatineSì «Se deve essere “terzo lotto” che “terzo lotto” sia. Ma con le stesse peculiarità - spiega Massimo Morini - e gli stessi privilegi degli altri due. Chiediamo a RFI e Regione che il terzo lotto venga finanziato (togliendo la cifra necessaria dall’importo previsto per l’intera tratta) e soprattutto venga immediatamente progettato (in sopraelevata, visto che non esistono altre soluzioni che consentano la realizzazione di un raddoppio che non preveda sottopassi o faraoniche, quanto inutili, cavalca-ferrovie e, al tempo stesso, la chiusura dei famigerati passaggi a livello riunendo così le due parti della città di Montecatini Terme). E’ necessario avere subito la progettazione del tratto montecatinese (ma anche della restante Valdinievole) della ferrovia per permettere ai Comuni di decidere cosa richiedere come opere “compensative” di ordine viario e di sistemazione delle aree prospicienti alla linea ferroviaria. Perché anche queste opere, che qualche sindaco della zona sta sbandierando come soluzione di tutti i mali ma non lo sono, andranno realizzate anche nel “lotto sospeso”. Non vorremmo infatti che i fondi a disposizione siano investiti completamente in altre aree del percorso e che per noi…non resti nulla. E soprattutto non venga realizzato neppure il raddoppio ferroviario rendendo in gran parte inutile l’intero lavoro pubblico. Se la prima tratta verrà realizzata con 200 milioni di € (comprensiva di una galleria lunga 1,6 km) non possiamo pensare che 230 milioni di € non siano sufficienti a realizzare la seconda tratta che, a parte le grandi criticità della Valdinievole dove non è possibile andare sotto terra e quindi realizzare nuovi sottopassi, poi non presenta grosse problematiche da Pescia a Lucca. Se invece i conti sono stati sbagliati fin dall’inizio, il che non ci sorprenderebbe più di tanto dal momento che gli stanziamenti sono stati fatti sulla carta senza neanche la benché minima ricognizione sul territorio, la cosa non ci riguarda. Una maggiore professionalità sarebbe stata cosa gradita…ma tant’è. Che cerchino, loro, le altre somme necessarie per effettuare un lavoro che sia al tempo stesso al passo con i tempi e soddisfacente per i pendolari ed i residenti delle aree interessate per i prossimi 150 anni. Il rischio “grosso” è che RFI e Regione, come dicevano pochi giorni fa gli esponenti dei comitati “Paesaggi Urbani” e “Viaggiare nel bello”, vogliano fare le “furbe”. Si va avanti fin dove si può, fino a che i soldi non saranno terminati, e chi resta col cerino in mano… peggio per lui. Cari signori se questa è la vostra intenzione sappiate che la cosa non ci và bene e non ci andrà mai bene. Sia che il lavoro venga fatto in tempi brevi sia che venga rimandato per anni. Vogliamo che i soldi dei cittadini vengano spesi bene e che l’opera sia efficace e rispettosa dei territori che attraversa. Vogliamo che il progetto di attraversamento di Montecatini ci venga presentato con urgenza e che questo venga discusso democraticamente dai cittadini per verificare che sia la soluzione più idonea. Vogliamo cogliere l’occasione per una riorganizzazione urbanistica della città in maniera qualitativa da tutti i punti di vista: sociale, commerciale e della sicurezza. Non pensino RFI e Regione che i cittadini montecatinesi, dopo qualche anno di chiusura dei passaggi a livello quasi costante a causa dell’aumentato traffico sulla linea, esasperati, accettino la costruzione dei muri al loro posto e magari solo l’allargamento del sottopasso all’ ippodromo come contentino. Non li accetteremo mai».


Galleria Immagini

  • RADDOPPIO FERROVIARIO. TERZO LOTTO…MA…



PESCIA - Una visione della guerra che nasce dalle testimonianze, dalle lettere che i militari scrivono a poche ore, a pochi giorni, dai combattimenti, dopo aver visto i compagni cadere, ancora con la morte negli occhi e il fiato sul collo. Venerdì 3 marzo, alle ore 21:15, andrà in scena a Pescia “QUESTA NOTTE BALLIAMO INSIEME, DOMANI TORNEREMO NEMICI”, di Movimentoinactor Teatrodanza Consorzio Coreografi Danza d’Autore, con la regia e coreografia di Flavia Bucciero.
Manuel D’Amario è l’attore e interprete delle testimonianze della prima guerra mondiale, volto delle serie tv “L’onore e il rispetto” e "Il Peccato e la Vergogna II". Sul palco del Pacini con D’Amario si esibiranno le danzatrici interpreti Sabrina Davini, Laura Feresin, Silvia Franci. La musica originale dello spettacolo è eseguita dal vivo da Antonio Ferdinando Di Stefano, il disegno luci è di Riccardo Tonelli.
Tra toni drammatici e altri ironici, persino giocosi e divertenti, anche attraverso l’uso dei dialetti, lo spettacolo vuole evidenziare come in situazioni estreme e tragiche come le guerre, l’umanità prorompe sempre, improvvisa e ci fa chiedere se ha senso ammazzarsi l’un l’altro, se è giusto sottostare al prevalere della barbarie.
Perché questa guerra? Perché questo abbrutimento insopportabile? E le donne? Sono fidanzate, mogli che devono da sole portare avanti la casa e crescere i figli, quelle che stanno zitte e lavorano. Nello spettacolo che alterna parola e danza, vengono interpretate , tra l’altro, lettere inviate a madri, sorelle, mogli, fidanzate, persone care, dove con facilità si passa dai toni tragici della battaglia appena terminata ai ricordi cari, affettuosi, persino alla descrizione di episodi buffi o a vicende fatue. L’umano troppo umano che trasborda dalle lettere è l’unica possibilità di sopravvivenza.
Costo spettacolo: Euro 12,00 posto unico I biglietti dello spettacolo possono essere acquistati online su www.bookingshow.it oppure in biglietteria nei giorni e orari di apertura: tutti i martedì dalle 17:00 alle 19:00 e tutti i giovedì e sabato dalle 10:00 alle 12:00. Inoltre la biglietteria è sempre aperta nei giorni di spettacolo serale dalle 16:00 alle 22:00). Telefono: 391.48680888, Mail: biglietteria@teatropacini.it - www.teatropacini.it


Galleria Immagini

  • “QUESTA NOTTE BALLIAMO INSIEME, DOMANI TORNEREMO NEMICI”
  • “QUESTA NOTTE BALLIAMO INSIEME, DOMANI TORNEREMO NEMICI”



MONSUMMANO TERME - La formazione Under 16 Celeste sbatte contro il muro della quotata Nottolini Capannori ed esce dagli ottavi di finale di categoria con l'amaro in bocca. Dopo il successo per 3-2 ottenuto nella gara di andata giocata nella palestra di Cintolese, nel return match Monsummano si deve arrendere fuori casa con il punteggio di 3-1 (parziali: 17-25, 25-15, 25-18, 25-12). La squadra di Paolo Pocai e Cesare Arinci è fuori dal torneo con una prestazione incolore. Bene la partenza delle biancoblù, che strappa il primo set anche se nella parte finale della frazione emergono brutti segnali dal fondamentale della ricezione. Errori che purtroppo si ripetono fino al termine della partita: Nottolini, anche con ottime serie dal servizio, mette sotto pressione la retroguardia delle termali mandando in affanno tutti i meccanismi di squadra. “Le ragazze dovranno lavorare molto su questo fondamentale – dicono Pocai e Arinci – la nostra attenzione dovrà poi concentrarsi anche sulla mentalità che serve per affrontare match del genere, un attributo necessario se vogliamo fare il salto di qualità a cui punta tutto il gruppo”. Adesso il roster Under 16 si concentrerà sul girone A del campionato di Prima Divisione: prossimo turno in programma sabato 4 marzo (fischio d'inizio ore 17,30) alla palestra del liceo scientifico di via Marconi contro il Montebianco Pieve a Nievole.

In foto Nucci: Under 16 Celeste


Galleria Immagini

  • FINISCE AGLI OTTAVI DI FINALE IL CAMPIONATO DELL'UNDER 16



LARCIANO - L'associazione sportiva Nuoto Valdinievole ha organizzato, in collaborazione con la F.I.N.P (Federazione Italiana Nuoto Paralimpico) e la F.I.S.D.I.R. (Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettivo Relazionale) e con il patrocinio dei comuni di Larciano, Lamporecchio e Monsummano, i campionati regionali di nuoto F.I.N.P. e F.I.S.D.I.R. che si disputeranno domenica 26 febbraio alla piscina di Larciano e Lamporecchio, in località Centocampi. Un evento di grande rilievo sociale che ha lo scopo di avvicinare allo sport sempre più persone diversamente abili, coinvolgendo anche le loro famiglie, e di promuovere la cultura sportiva nella società anche riferito alle discipline paralimpiche. Lo sport inteso come alternativa ad interventi sanitari e riabilitativi. Dopo il saluto delle autorità, previsto per le ore 9, la manifestazione entrerà nel vivo con le gare. A metà mattinata, intorno alle ore 11, è in programma una breve esibizione degli allievi della squadra Propaganda. Al termine delle gare si effettuerà la cerimonia di premiazione nella quale saranno date le medaglie di partecipazione ed i gadgets del Nuoto Valdinievole. Il "Pasta Party" offerto dall'associazione sportiva termale chiuderà l'importante evento. Gianluca Ghera, responsabile provinciale Cip (Comitato Italiano Paralimpico), Leonardo Rodriguez Areyalo, Aziz Fettami, Fabrizia Torrigiani, Manuela Giraldi faranno parte della squadra del Nuoto Valdinievole, affiliata già dalla passata stagione alla F.I.N.P., mentre per le prove F.I.S.D.I.R., alla quale la società termale si è affiliata quest'anno, scenderanno in vasca Letizia Macchini ed Emanuele Pallini. Gli allenatori che seguono passo dopo passo questi sette atleti sono Chiara Bellini, Martina Beninato, Sheila Pellino ed Erika Picchi. Tra le numerose autorità che parteciperanno alla manifestazione ci sarà Massimo Porciani, presidente regionale del Cip, Marco Passerini, delegato regionale FINP, Alessio Focardi, delegato regionale Fisdir, Angela Bartoletti, assessore del comune di Monsummano, Sandro Magrini, assessore di Larciano, ed Emanuela Bruno, assessore del comune di Lamporecchio.

Il Nuoto Valdinievole ringrazia tutti gli sponsor che hanno contribuito alla realizzazione della manifestazione: Società Agricola Castelmartini srl , Tigerflex di Monsummano, Big Time Givers Larciano, Fondazione Turati Pistoia, Ipercarne Monsummano, Gelateria Natalino Monsummano, Oreficeria Mancini Monsummano, F.lli Bruno Costruzioni Lamporecchio, Termoidraulica TS Casalguidi, Masi Costruzioni Stradali Lamporecchio, Impresa Edile Lisi, Villa Rospigliosi Eventi, Credito Valdinievole Credito Cooperativo di Montecatini Terme e Bientina.


Galleria Immagini

  • DOMENICA 26 FEBBRAIO ALLA PISCINA DI LARCIANO-LAMPORECCHIO SI DISPUTERANNO I CAMPIONATI REGIONALI DI NUOTO F.I.N.P E F.I.S.D.I.R.



LAMPORECCHIO - «Un’arringa a sostegno delle proprie dimissioni piena di contraddizioni, mistificazioni e omissioni. Cristina Volpi ha volutamente tralasciato di precisare che si è dimessa da tutte le cariche avute all’interno del partito, da componente della segreteria regionale a membro dell’assemblea comunale del PD passando per quella provinciale, di fatto uscendo dal partito stesso: forse avrà realizzato di essere nel partito sbagliato, ma lascio ad altri giudicare. Ha omesso di precisare che, nei giorni successivi, è stata cercata da tutti i responsabili a cui doveva uno straccio di spiegazione, se non altro per rispetto. Mistifica quando sostiene di non aver avuto spazio o le opportune informazioni visto che da parte sua, al sottoscritto, in due anni e mezzo, non una telefonata, una richiesta di incontro per avanzare legittime critiche o proposte. L’ho incontrata recentemente per concordare le varie posizioni da tenere in consiglio: niente, mai un accenno, una parola o un gesto sulle sue intenzioni. Questo è un atteggiamento vigliacco e irresponsabile che ha come finalità quella di evitare il confronto diretto, che invece sarebbe sicuramente più positivo e leale. Usare i social, le email o i comunicati è fin troppo facile, non c’è contraddittorio e si può affermare ciò che si vuole. Gli incontri, le assemblee o le riunioni del gruppo consiliare non sono di certo mancati, e neppure i luoghi, le opportunità e la platea: la sua accusa è dunque pretestuosa. Oltretutto dimenticandosi di aver partecipato e condiviso scelte importanti che l’amministrazione ha fatto. Ovvio che per “stare sul pezzo” serve impegno, sacrificio, umiltà e costanza, ma forse io ho dato per scontato che Cristina Volpi avesse compreso che far politica comporta dei sacrifici e senza passione e altruismo l’impegno diventa pesante e incomprensibile. Così come è evidente a tutti, basta leggere, che nelle sue motivazioni ci sia una grossa contraddizione: si dimette perché non ha tempo da dedicare alla politica, ma al tempo stesso dice che avrebbe voluto essere più coinvolta, si decida dunque, perché le due motivazioni sono nettamente contrastanti, o l’una o l’altra, ma forse servono per nascondere altro, che sarebbe stato più elegante ammettere? Un atteggiamento, quello di Cristina Volpi, irresponsabile e irrispettoso verso tutte le persone che l’hanno sostenuta, appoggiata, votata e che hanno lavorato per lei. Gli stessi consiglieri comunali di maggioranza in un documento politico, richiamano alle responsabilità che comporta il mandato ricevuto dai cittadini. Nonostante le accuse gratuite che mi ha rivolto, auguro comunque a Cristina il meglio per il suo futuro professionale e personale».


Galleria Immagini

  • IL SINDACO RISPONDE ALL’EX-CAPOGRUPPO CRISTINA VOLPI



PISTOIA - I preparativi per la 42a Pistoia-Abetone in programma il prossimo 25 giugno sono già entrati nel vivo, le iscrizioni proseguono a ritmo serrato e come da tradizione si sta già pensando all'allestimento del Quarto Traguardo, fiore all'occhiello solidale della manifestazione ed espressione concreta di quel sogno chiamato «Pistoia-Abetone per tutti» che nel 2002 convinse gli organizzatori dell'ultramaratona pistoiese a seguire l'idea di Floriano Frosetti, all'epoca assessore allo sport della Provincia di Pistoia. Un sogno che è diventato realtà grazie all’impegno e alla convinzione che l’amministrazione provinciale ha sempre rinnovato nel collaborare fattivamente all’allestimento di questo speciale appuntamento, una realtà che oggi può proseguire anche grazie alla disponibilità e l'entusiasmo del Comune di Montecatini Terme, che da quest'anno entra a far parte della grande famiglia della Pistoia-Abetone.

Per il sedicesimo anno consecutivo, quindi, la Pistoia-Abetone saluterà l'entusiasmo e la voglia di vivere dei suoi amici più affezionati, gli oltre quattrocento portatori di handicap e disagio psichico-motorio che con i loro accompagnatori percorreranno in un tripudio di sorrisi e colori i tre chilometri finali del percorso gara da Le Regine alla piazza delle Piramidi. Insieme a loro anche quest'anno parteciperanno rappresentanti istituzionali, volontari e semplici cittadini. Tutti insieme taglieranno per primi lo stesso traguardo degli atleti della Pistoia-Abetone, testimoniando un ideale incontro tra mondi troppo spesso separati e inconciliabili.

La manifestazione è resa possibile dall’impegno dell'ASCD Silvano Fedi che organizza il Quarto Traguardo con la collaborazione fondamentale della Provincia di Pistoia e dell'Ufficio Sport del Comune di Montecatini Terme guidato da Simona Pallini, affiancati dall'intero mondo dell’associazionismo sociale pistoiese e da molte altre realtà “di supporto” che ogni anno offrono spontaneamente il loro aiuto. Grazie a tutti loro è possibile assistere a questa passeggiata davvero speciale: un momento bellissimo di divertimento e solidarietà che ogni anno rimane impresso nel cuore di tutti i presenti, un evento che va molto al di là della dimensione del singolo appuntamento sportivo.


Galleria Immagini

  • La Pistoia-Abetone e il Quarto Traguardo, 16 anni di solidarietà


Pagina 1 di 4Primo   Precedente   [1]  2  3  4  Prossimo   Ultima